FANDOM


Ai confini della realtà ("City on the Edge of Forever (Flashbacks)" in lingua originale) è il settimo episodio della seconda stagione di South Park. È andato in onda per la prima volta negli USA il 17 giugno 1998 e in Italia il 20 marzo 2000.

Trama Modifica

Allarme Spoiler!
Spoiler


Questa pagina contiene spoiler sulla serie.

I bambini sono sull'autobus e stanno seguendo una deviazione lungo un passo di montagna. Quando l'autobus si avvicina ad uno strapiombo, la Signora Crabtree esce per chiedere aiuto, ordinando agli studenti di non lasciare l'autobus oppure un grande mostro spaventoso li mangerà. I ragazzi rimangono quindi lì e ricordano le esperienze passate.

Vengono mostrate delle scene di precedenti episodi quali 1x01 "Cartman si becca una sonda anale", 1x02 "Spara alla lava", 1x03 "E se ingrasso... Ciccia" e 1x06 "Una questione di morte o di morte". Tuttavia, ognuno di questi ricordi è differente da quanto realmente accaduto. Ad esempio, si vede Stan baciare Wendy due volte anziché vomitare e Kenny uccide la Morte invece del contrario. Inoltre, alla fine di ogni momento, la persona che ha rievocato il ricordo è vista mangiare un gelato o comunque una variazione che coinvolge il gelato, e gli altri fanno notare quello che in effetti è realmente accaduto Tuttavia, alcuni ricordi non provengono affatto da South Park.

Più tardi, un bambino vestito di rosso prova a lasciare l'autobus, ma un gigantesco mostro appare davvero. Dopo essersi mangiato il bambini, il mostro si siede sul tetto del veicolo, portando via Kenny che, presumibilmente, muore.

La Signora Crabtree inconrta un sosia di Elvis, un venditore di tetti che si chiama Marcus (o Mitch, il nome continua a cambiare nel corso dell'episodio). Quando la donna gli chiede aiuto, egli la porta in un locale dove un artista si sta esibendo. La Signora Crabtree lo insulta, facendo appello al pubblico. Marcus/Mitch la porta quindi da un agente, che la trova estremamente divertente e la scrittura come comica. La donna appare anche al Tonight Show con Jay Leno e, tra una cosa e l'altra, si è ormai dimenticata di salvare i bambini rimasti sull'autobus. Comunque, la Signora Crabtree si ritira dal mondo dello spettacolo.

A South Park, il Signor Mackey convince i genitori dei ragazzi che i loro figli sono scappati, il che li spinge ad andare in TV nel tentativo di farli ritornare a casa. I bambini vedono i loro genitori sulla TV portatile dell'autobus, e si imbarazzano non poco.

Nel flashback finale, Eric Cartman ricorda di avere identificato suo padre, ma lo ricorda erroneamente come John Elway dei Denver Broncos. Quando Kyle lo corregge, Cartman si arrabbia e si sposta sul retro del bus per attaccare l'amico. Questo fa sì che l'autobus superi lo strapiombo e si spezzi in due, facendo cadere Craig di sotto. Anche l'autobus cade, finendo in una gigantesca vasca di gelato.

Cartman si rende improvvisamente conto di quanto poco senso abbia tutto quello che sta succedendo, e si sveglia così nel suo letto. Sua madre arriva con la colazione ed Eric le racconta il suo sogno. Sua madre gli offre degli scarafaggi per colazione, ed iniziano a mangiare. La donna dice a Eric quanto gli scarafaggi siano più buoni accompagnati con del gelato. Proprio in quel momento, Stan si sveglia nel suo letto, e viene rivelato che in realtà il sogno era il suo. Il ragazzo chiama Kyle per parlare dello strano sogno e, alla fine, i quattro protagonisti escono a mangiare un hamburger insieme.

Nel frattempo, la Signora Crabtree viene mostrada seduta insieme a Marcus/Mitch nei pressi del lago. La donna dice all'amico quanto le sia piaciuto il tempo che hanno trascorso insieme, ma lui afferma che tutto ciò che è successo è il frutto di un sogno di un bambino di 8 anni.

La morte di Kenny Modifica

Kenny viene prima mangiato dal mostro dell'autobus ed in seguito investito da una motocicletta in un flashback. Quando l'autobus è caduto dalla scogliera, Kenny si trovava ancora a bordo. Comunque, essendo i fatti tutti accaduti durante un sogno di Stan, Kenny in realtà non muore in questo episodio.